lunedì, 26 febbraio 2024

NOI e il calendario parrocchiale 2024

Calendario2024 cop  "Il Verbo si è fatto carne per dialogare con noi. Dio non vuole fare un monologo, ma un dialogo. Perché Dio stesso, Padre e Figlio e Spirito Santo, è dialogo, eterna e infinita comunione d’amore e di vita. Venendo nel mondo, nella Persona del Verbo incarnato, Dio ci ha mostrato la via dell’incontro e del dialogo. Anzi, Lui stesso ha incarnato in sé stesso questa Via, perché noi possiamo conoscerla e percorrerla con fiducia e speranza.” Papa Francesco

  In un tempo segnato da guerre e trasformazioni, nel cuore della notte si accende una luce che illumina la strada, rischiara i nostri passi e ci fa riscoprire la gioia dell’incontro. È il Signore, ancora una volta, a indicarci la via.

   L’augurio per questo Santo Natale è che ciascun oratorio possa camminare lungo la strada illuminata proprio da quella Luce, sotto la quale incontriamo i fratelli e dialoghiamo tra noi, nel segno fraterno della condivisione. don Damiano Vianello, presidente NOI.

   Il calendario parrocchiale 2024 che riceverete nelle vostre case è una finestra aperta sul nostro paese, infatti il suo tema è "Respira sei a S. Pietro in Gu". Come Associazione abbiamo scelto di finanziare questa attività perché i nostri giovani soci sono il cardine fondamentale della nostra futura comunità.
Il direttivo del Circolo NOI di San Pietro in Gu.

Capita alcune volte di visitare città o località turistiche recensite in modo largamente positivo e constatare che non sono poi così affascinanti. Aver Venezia, Verona, Padova, Vicenza, le Dolomiti e molto altro in casa probabilmente ci ha abituato fin troppo bene tanto da farci apparire meno significativi altri luoghi famosi. In differenti occasioni la frenesia, il rumore, il traffico che troviamo in città ci fanno dire: “Dopo tutto in paese non stiamo neanche male, siamo fortunati”.

Sicuramente da noi non ci sono la movida di Milano o i monumenti di Roma ma possiamo contare su altri plus tipici dei paesi di campagna come gli ampi spazi, insediamenti sparsi con nuclei di persone più piccoli, corsi d’acqua, campi e siepi campestri.

Il calendario che ci accompagnerà nel 2024 è dedicato proprio a questi plus: il territorio rurale, le siepi campestri, i grandi filari, i prati, le montagne che si stagliano all’orizzonte, i rapporti fra le persone. Questo è un tesoro e come tale deve essere trattato e valorizzato. L’apprezzamento non richiede grosse cose, alcune volte è sufficiente essere orgogliosi del posto in cui viviamo e lavoriamo guardando così ciò che ci circonda in modo più positivo. Il processo diventa così virtuoso e all’orgoglio si affianca il rispetto.

Recentemente Papa Francesco ha scritto l’esortazione apostolica “Laudate deum” in cui espone la sua preoccupazione sulle condizioni della nostra casa comune. Il mondo che ci accoglie si sta sgretolando e forse si sta avvicinando a un punto di rottura. Al di là di questa possibilità, non c’è dubbio che l’impatto del cambiamento climatico danneggerà sempre più la vita di molte persone e famiglie. Per dar risalto a questo problema ogni immagine del calendario è corredata da un breve commento tratto appunto da “Laudate deum” e l’enciclica “Laudato si”.

Ritornando al tema di località turistiche l’azienda di promozione della provincia di Trento ha sviluppato la campagna “respira sei in Trentino”. Il concept pone al centro la natura in cui le persone possono immergersi e dove possono godere di benefici fisici ed emotivi riscoprendo inoltre il piacere di intrecciare relazioni con gli altri.

Nel nostro calendario vogliamo ancor di più esaltare questo patrimonio. I rapporti fra le persone sono una ulteriore qualità che ci appartiene. Sono molte le occasioni che consentono di fare questo: gare di ciclismo, sagre, feste, gite ci accompagnano durante tutte le stagioni. Dove non arrivano queste cose troviamo poi gruppi sportivi, gruppi di canto, scout e animatori che danno un servizio a tutta la comunità e contemporaneamente trascorrono molto tempo e respirano insieme.

Ci sono realtà più giovani e altre storiche in paese che non dobbiamo dare per scontate ma sostenere godendo dei benefici che generano.

Nel mese di ottobre sono iniziati i lavori di risanamento strutturale degli spazi dell’ex bar del patronato. L’intervento nella sua interezza prevede la sistemazione delle finestre, rasatura e tinteggiatura dei muri, sostituzione del controsoffitto esistente, installazione di nuovi impianti elettrico, di riscaldamento e raffrescamento e di un video proiettore. L’intervento è nato dal desiderio di dotare la struttura parrocchiale di una sala idonea per riunioni, proiezioni e momenti conviviali a servizio di tutta la comunità ed in particolar modo dei gruppi giovanili.

Tutto ciò è reso possibile grazie all’importante contributo derivante da Patro Cup 2022 e 2023. La manifestazione, vanto del circolo Noi associazione di San Pietro in Gu, è resa possibile grazie ad un numeroso gruppo di ragazzi che scelgono di lavorare, divertirsi e respirare insieme regalando a tutti noi ogni anno un grande spettacolo. Grazie.

Il secondo stralcio di lavori prevederà poi la realizzazione di una nuova cucina nell’ultima stanza in sostituzione a quella esistente ormai poco funzionale. La spesa sarà sicuramente importante ma c’è la convinzione che questo tassello darà ancor maggior valore a tutta la struttura e diverrà un punto di riferimento e di maggior respiro per associazioni e gruppi.

Al momento la copertura economica di quest’ultimo intervento non è completa e il sostegno di chiunque crede nel valore della comunità è fondamentale.

Questo può essere fatto con una erogazione liberale al NOI di San Pietro in Gu utilizzando le coordinate IBAN: IT71P0880762830000000000543 o scegliendo di destinare il 5 per mille dell’IRPEF al “Circolo San Giovanni Bosco” riportando il codice fiscale 90001650283.

Riscoprire il paese, essere orgogliosi del patrimonio presente e lavorare per conservarlo fornendogli magari ancor più linfa è l’invito che faccio per il 2024. Fare comunità, aiutarsi ed intrecciare relazioni rende meno faticoso lo sforzo e consente a tutti di respirare in modo più leggero.

Respira sei a San Pietro in Gu.

Per il NOI, Giorgio Sandonà