domenica, 17 dicembre 2017

ac-adulti

percorso adulti

 

“Coraggio sono io“ è lo slogan di quest’anno associativo, tratto dal brano della tempesta sedata (Mc 6, 4552) del Vangelo di Marco. Il brano evangelico ci aiuta a (ri)scoprire l’autentico volto di Gesù per alimentare la nostra fede e la nostra adesione a lui e offre la garanzia che Gesù è sempre accanto a noi soprattutto nei momenti difficili della vita. La (ri)scoperta della vera identità di Gesù ha come diretta conseguenza la (ri)scoperta dei tratti tipici del discepolo del Signore: donne e uomini “comuni” che si lasciano coinvolgere dal suo esempio e dalla sua parola per esserne testimoni negli ambienti quotidiani di vita. Di fronte alle nostre paure e alle nostre incertezze, Gesù ci ridà speranza e ci incoraggia a compiere scelte coraggiose. Anche oggi ripete ad ognuno di noi: “Coraggio, sono io, non abbiate paura!”.

Punti fermi sulla formazione

Il cammino proposto si concentra sulla dimensione vocazionale della vita della persona, come sequela alla chiamata di Cristo. Invita gli adulti a ripercorrere, attraverso diverse situazioni del Vangelo di Marco, il cammino del discepolato, spronando a una rinnovata cura della vita interiore. Il percorso di quest’anno vuole offrire spazi e tempi per guardare dentro di sè, ascoltare il proprio cuore e aprirsi alla Parola, per lasciare che lo Spirito agisca perchè sia formato Cristo in noi. Papa Francesco, nell’udienza del 3 maggio, ci ha ricordato che “per essere annunciatori e testimoni di Cristo occorre rimanere anzitutto vicini a Lui”, quindi l’invito a “rimanere con Gesù, rimanere in Gesù”.

 

La proposta è costruita partendo dalla vita concreta delle persone, può essere quindi rivolta a tutti gli adulti, sia a chi ha un percorso di fede che l’ha accompagnato tutta la vita sia a chi vuole ricominciare un cammino. Papa Francesco ci invita a uscire, a incontrare la vita dell’uomo, con le sue fatiche e le sue ricchezze, perché lì ci aspetta Gesù. È nello stile dell’Azione Cattolica proporre percorsi nei quali mettere in relazione circolare vita vissuta e Vangelo: la nostra vita messa a confronto con la Parola, la quale trasforma la nostra esistenza e rende urgente la nostra testimonianza.

 

Il sussidio formativo “Vita d’Autore” ha lo scopo di accompagnare la vita degli adulti e favorire la dinamica del discernimento comunitario per sperimentare la profondità della nostra vita nella Parola, la quale deve avere un ritorno nella propria vita. La formazione dell’adulto però non può limitarsi solo al sussidio, solo alla formazione di gruppo, deve essere affiancata dall’autoformazione, quindi il riferimento essenziale alla Parola di Dio, la preghiera personale e liturgica, l’attenzione alla propria vita e alla realtà nel suo insieme, la coscienza di appartenere alla Chiesa delineata dal Concilio Vaticano II, la consapevolezza di far parte di una comunità civile (cfr. “Sentieri di speranza”).

 

Sullo sfondo non può ovviamente mancare una buona vita associativa, fatta di momenti di incontro, di preghiera, di approfondimento, di fraternità, a livello parrocchiale, diocesano e nazionale, sia di settore che unitari.

 

camminoadulti201415-2

Sussidio formativo “Vita d’Autore

 

C’è sempre un momento forte, impegnativo nella vita di ciascuno, nel quale ci è richiesto di mettere una firma... Ma c’è un “progetto” che ci precede ed al quale non sempre prestiamo la giusta attenzione: la nostra esistenza è scaturita da un progetto d’amore sul quale il Signore stesso ha posto la sua firma! Noi tutti siamo figli di Dio, l’Autore della vita! Siamo quindi tutti invitati a “metterci la firma”, a scoprirci co-autori della nostra vita unica e irripetibile.

I contenuti e i passi del testo

Il sussidio propone cinque tappe, ognuna delle quali non corrisponde a un solo incontro. Sono richiesti momenti di preghiera, ricerca, approfondimento, confronto. Ogni gruppo dovrà trovare i modi e i tempi opportuni per sviluppare ogni tappa in più momenti.

 

in ricerca

Tapp#1 - Iricerca

 

Il primo passo è quello che evidenzia la ricerca di Dio, intesa come il suo venire a cercare l’uomo e come il ricercare dell’uomo che porta a Dio.

con speranza

Tappa #2 - Con speranza

 

Il secondo passo, prendendo spunto dal tema dell’anno, evidenzia il passaggio dalla paura al coraggio, dalla tristezza alla speranza.

affidabili

Tapp#3 - Affidabili

 

Il terzo passo trae lingua dal capitolo quattro di Marco che esprime la risposta alla crisi del catecumeno e dei primi cristiani. Si tratta di una crisi che anche l’età adulta conosce nella sua fatica, nella sua possibile drammaticità e nella possibilità di far giungere a una maggiore responsabilità e affidabilità.

contemp attiviTapp#4 - Contempl-attivi

 

Il quarto passaggio lascia spazio allo stupore di fronte alla trasfigurazione che suscita un di più di ricerca interiore, profonda, contemplativa..., non per fuggire dalla storia, ma per viverla da uomini e donne nuove capaci di servire in santità e giustizia.

unificati

Tapp#5 - Unificati

 

Il cammino si conclude sotto la croce, nel luogo della massima rivelazione di Dio e quindi dell’uomo a se stesso: sotto la croce si ricapitola l’intera esistenza di ciascuno e dell’umanità.

Il punto di arrivo del cammino sull’interiorità è il raggiungimento della pace interiore, di una profonda unificazione.

 

Ogni tappa è divisa in tre sezioni:

1a - Dalla vita alla Parola

Si parte dalla vita, dagli atteggiamenti e situazioni che fanno parte della nostra quotidianità. Sono da mettere al centro della nostra riflessione di gruppo, per rileggerli successivamente alla luce del Vangelo, con la consapevolezza che la Parola di Dio, anche oggi, aiuta a discernere e illuminare l’esistenza di ognuno di noi.

I brani del Vangelo proposti (due per ogni tappa, tranne l’ultimo) sono tratti dal Vangelo di Marco e definiscono il profilo del discepolo, i tratti dell’adulto di oggi e alcune sottolineature del cammino spirituale del cristiano.

È fondamentale tener presente gli insegnamenti che la Tradizione e il Magistero ci hanno indicato e continuano a indicarci. Il riferimento privilegiato è sempre il Concilio Vaticano II. Il testo quest’anno propone riferimenti all’esortazione apostolica Evangelii gaudium e alla sezione del Catechismo degli adulti “L’uomo nuovo in Cristo”.

2a - Dalla Parola alla Vita

Il passaggio successivo consiste nel riportare l’analisi operata alla vita da vivere, attraverso gli “esercizi di laicità”. La nostra formazione si fa azione. È il momento di provare a progettare passi concreti da compiere, a costruire percorsi personali e comunitari di testimonianza, ad assumere anche nuovi stili di vita.

In ogni tappa sono proposte alcune meditazioni-preghiere, da utilizzare in base alle esigenze del cammino di ogni gruppo. Sono presentati i “testimoni”: figure significative che hanno testimoniato la bellezza di una vita secondo il Vangelo, a servizio della Chiesa e del mondo. Sono esempi di persone che hanno vissuto forti esperienze interiori.

3a - Riflessi della cultura

Canzoni, film, immagini, parole... materiali per approfondire, riflettere, stimolare la ricerca e la discussione in gruppo.