domenica, 17 dicembre 2017

Coretto - Chi siamo

corettoQuando sono stato destinato a san Pietro in Gù, ho iniziato a pensare che una parrocchia

certamente ha bisogno di una mano per un’infinità di cose, che però non sapevo concretamente realizzare.

L’esperienza di questi otto mesi mi ha fatto capire che con un po’ di buona volontà e di collaborazione, tutto diventa possibile! Fin dalle mie prime settimane, ancora molto timido, appena arrivato, mi è stato chiesto da don Giuseppe di dar vita con Suor Annamaria ad un “coretto” di bambini che 0potesse animare la messa domenicale.

L’impresa mi sembrava ardua: avevo lavorato in passato come direttore di un coro ... ma “coi bambini xe n’altra roba!”.

Così, armato di entusiasmo e di follia, incoraggiato da don Giuseppe, ci abbiamo provato. Io ho giocato al ribasso: è tanto se arriviamo a Natale, poi si vedrà.

Invece non è stato proprio come pensavo: alla prima prova siamo quasi in venti, alla seconda raggiungiamo i trenta: incredibile!

Alla terza ho pensato:speriamo si fermino, perché sennò non riusciamo più a tenerli; eccoche ancora più incredibile è stata la preziosissima e spontanea disponibilità e collaborazione di Paola e Michela che tutti i sabati erano lì, con noi, a cercare di tener buone queste piccole pesti cantanti, insieme con qualche altra mamma che con generosità ha dato il suo contributo!

Ma non è ancora tutto: una parola eccezionale la riservo alla “band” del gruppo: alcune bambine che stanno imparando a muovere i primi passi sulla tastiera ci accompagnano all’organo, mentre alle chitarre le mitiche Sofia e Lucia, tenute a bada dal piccolo Francesco, a cui poi si è aggiunto anche Andrea! È stato poi bellissimo vedere come a questi ragazzi se ne siano aggiunti altri durante l’anno: è il caso del “trio di flauti” (autogestito e diretto da Susi), e di alcuni nuovi elementi che il Coretto (ormai divenuto il nome ufficiale) ha acquistato in corsa.

E così da “Tu scendi dalle stelle” siamo pian piano passati a “Dammi un cuore Signor”, fino a “Giovane donna” e * devo dire che sono stato stupito dei passi percorsi insieme.

Un bel momento per tutti noi è stata la vittoria del “premio del coraggio” ai Taenti del Guado ... presenza che abbiamo deciso appena la settimana prima!

Ma c’era l’entusiasmo, e forse questo è ciò che ha vinto.

Ora i nostri cantori sono in pausa per le meritate vacanze estive, ma all’occhio, che a settembre si riparte.

A proposito: se hai voglia di metterti un po’ in gioco, se sai qualcosina di musica (ma anche no!), se suoni uno strumento, non avere paura a lanciarti: Fatti vivo, noi ti aspettiamo!!

Giugno 2014

a cura di

Manuel, Suor Anna Maria, Michela, Paola, Lucia e Sofia