lunedì, 26 febbraio 2024

Il Vicariato di Fontaniva - Piazzola

mappa Vicariato Fontaniva Piazzola newQuattro nuovi vicariati ridisegnano la Diocesi di Vicenza. "Tenendo conto della mutata situazione pastorale della Diocesi, delle indicazioni pervenute dai presbiteri appartenenti ai Vicariati di Arsiero, Bassano del Grappa, Fontaniva, Montecchia di Crosara, Piazzola sul Brenta, Rosà, San Bonifacio e Schio e del parere espresso dalle assemblee vicariali dei Consigli Pastorali Parrocchiali e Unitari dei suddetti Vicariati, in data 14.11.2019 Mons. Beniamino Pizziol ha disposto l’accorpamento dei suddetti Vicariati, costituendo i nuovi Vicariati di: Arsiero-Schio; Bassano del Grappa-Rosà; Fontaniva-Piazzola sul Brenta; Montecchia di Crosara- San Bonifacio".

Vicariato Fontaniva - Piazzola

Comprende le parrocchie dei comuni di Carmignano di Brenta, Grantorto, Piazzola sul Brenta e San Giorgio in Bosco, Fontaniva e San Pietro in Gu e delle frazioni di Facca e di Santa Croce Bigolina di Cittadella; non vi appartiene la parrocchia della frazione Sant'Anna Morosina di San Giorgio in Bosco (diocesi di Padova). La popolazione del territorio ammonta a 43.673 unità.

Responsabile Vicario: don Andrea Mazzon

logo pdf il Vicariato in dettaglio

"Oltre ad essere luogo primario di fraternità per i preti di una stessa zona, contribuisce alla comunione e alla missione ecclesiali, perché favorisce il legame con la chiesa diocesana, nel rispetto delle diversità locali; individua linee comuni di azione pastorale; apre al dialogo e alla collaborazione con le parrocchie vicine; rende più concreto e produttivo il rapporto con il territorio; e offre servizi condivisi a sostegno dell’attività comune, in una logica di comunicazione e di corresponsabilità. Lo sviluppo in diocesi delle unità pastorali (u.p.) chiede però di ripensare l’identità del vicariato come un insieme di parrocchie e di u.p.. Di conseguenza le proposte vicariali dovranno sempre più chiaramente assumere un carattere di “sussidiarietà”, che tenga conto delle attività unitarie sviluppate nelle u.p., e le integri con ciò che non risulta possibile alle comunità locali."